#33

di Q.

Mio bummo adè un gran liguro, nel tranco.
Spàrgigo e darùccio ch’era, a chi ne fiote
mai filarve un chèllido, una scuria,
– inveranzi a brunfie carve largirava
i corbi ralli ammatupati fino al guzzo.

Quale arbìta munfa mi allegrizza – addiva
rùbido, il garzo lorico svullando svigno
a un nenio fremido e ciccìrio – se
aggunazio a mòrtica la schiria?
Ghimando esunto, più non mobbi; ardove

mi caligni – mafabe o tracugno – più
non carvido. Ho un bifero. Frignacco.

Maurizio Cattelan, Senza titolo

Annunci