#12

di Q.

Dissiparsi, darsi via senza governo
sui segreti e le riserve di esistenza
o è l’inferno. Io non ti conosco
da otto anni; la mia essenza ti misura
gli occhi e di certo vi fu un’eternità
reciproca che agli atti non risulta.

Da un passato trascurato ad un inesauribile
futuro, questo è il tempo che ci celebra:
non ci sappiamo, siamo estranei: in questo
alberga la lussuria e siamo quasi tenebra*.

* “siamo quasi tenebra” – Jón Kalman Stefánsson, da Paradiso e inferno, Iperborea 2011.

Annunci